I parametri della Green Supply Chain Management (GSCM) possono essere integrati in quasi tutte le attività industriali. La chiave per attuare questo concetto è identificare le aree in cui è possibile applicare pratiche sostenibili a una catena di approvvigionamento esistente. Queste aree includono:

Approvvigionamento di materiale più pulito. Per i rivenditori, ciò può comportare la collaborazione con le aziende per riprogettare gli imballaggi utilizzando materiali riciclabili o biodegradabili. Le aziende possono anche scegliere di acquistare materiali da fornitori che acquistano i loro materiali utilizzando metodi ecologicamente responsabili.

Riduzione delle emissioni durante il trasporto. Ciò può comportare l’approvvigionamento di materiali da fornitori vicini per ridurre le emissioni di carbonio derivanti dal trasporto e dalla consegna. Alcune aziende riducono le emissioni utilizzando sistemi di trasporto più efficienti e carburanti alternativi più puliti.

LA NOSTRA SFIDA PIÙ GRANDE IN QUESTO NUOVO SECOLO È DI ADOTTARE UN’IDEA CHE SEMBRA ASTRATTA: LO SVILUPPO SOSTENIBILE.

Kofi Annan

Ottimizzazione della logistica. Individuando strategicamente le strutture di distribuzione e ottimizzando i camion per ridurre lo spazio vuoto del rimorchio, le aziende possono ridurre il chilometraggio di transito e ridurre l’impatto ambientale.

Certificazione. Le aziende possono evitare di interagire con fornitori che utilizzano prodotti o materiali vietati richiedendo determinati tipi di certificazioni. Ad esempio, un’azienda manifatturiera può scegliere di reperire materiali solo con fornitori certificati.

 

Lascia un commento